Il Top delle attrazioni turistiche nel Paese termale dell’Ungheria


steppa, ungheria, puszta, pianura, verde, prato, fieno, contadini, agricolturaQuando si pensa all’Ungheria, ecco che subito viene in mente la Puszta, il più antico dei paesaggi culturali naturali del Paese. Eppure l’Ungheria ha molto altro da offrire. Vi è, ad esempio, il Parco Nazionale di Hortobàgy, dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità. L’Ungheria conta molte attrazioni culturali che vale la pena di scoprire.

Uno sguardo sull’Ungheria e sulle sue attrazioni

L’Ungheria è nota per i suoi paesaggi romantici, come la pianura della Puszta tra il Danubio ed il Tibisco, con un’alternanza di numerosi vigneti a sud e ad ovest del Paese. La vita mondana si svolge nella capitale Budapest, con il suo complesso urbano a ridosso del Danubio. Il Paese, con le sue attrazioni culturali, ha molto da offrire ai viaggiatori, dalle sorgenti calde di montagna al popolare lago Balaton: tutto l’occorrente per trascorrere una vacanza perfetta.

Chi desideri avventurarsi sulle tracce di “Sissi”, potrà visitare a pochi chilometri da Budapest il “Castello della Principessa”, residenza estiva, sontuosamente ristrutturata, dell’Imperatrice Elisabetta e del coniuge, l’Imperatore Francesco Giuseppe. Il Castello Gödöllő, nell’omonima località, è stato donato al monarca asburgico in occasione della sua incoronazione. Il palazzo divenne il rifugio dell’Imperatrice. La visita del castello dura circa 1 ora e mezza.

Nella piccola località di Zalaszanto i turisti potranno vivere un’esperienza dal feeling tipico dell’estremo oriente. Già all’ingresso della città è possibile osservare una cupola alta 30 metri e larga 24, appartenente ad un edificio insolito. Proseguendo lungo il cammino, si incontra, a ridosso di Zalaszanto, un monte alto 315 metri, in cima al quale sorge un tempio Stupa, con all’interno la statua di un Buddha. Questo monumento Stupa, simbolo di pace, indica saggezza, compassione ed amore fra tutte le persone. Si tratta del più grande Stupa in Europa e rappresenta un monumento di pace mondiale.

Budapest e le sue attrazioni

Il quartiere del castello di Budapest, antico 800 anni, è riconosciuto come patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. Esso si sviluppa nei dintorni del Castello di Buda e sulla relativa collina. Una parte dell’enorme labirinto risalente al 1242, un tempo magazzino e rifugio, è ancora oggi visitabile, percorrendo i corridoi sotterranei sino ad arrivare ad ammirare un’antica fontana.

ponte, ungheria, budapest, notte, illuminazione, fiumeIl Ponte delle Catene di Budapest, costruito sul Danubio per collegare l’antica città di Buda con Pest, è stato progettato dall’ingegnere William Tierney Clark. Il Ponte delle Catene costituisce uno dei punti di riferimento di Budapest ed attira numerosi visitatori ogni anno. L’Ungheria e le sue attrazioni sono una vera calamita per i turisti.

La Casa del terrore di Budapest è stata costruita nel 1880 da Adolf Feszt e si trova al numero 60 di Viale Andrássy. Destinata negli anni a diverse funzioni, è stata trasformata in un museo nel 2002. Mostre permanenti, documentari e documenti scritti testimoniano i regimi del terrore del passato.

La metro di Budapest, costruita su modello della metropolitana di Londra, è la seconda rete metropolitana più antica al mondo. I treni sono stati in passato restaurati e l’offerta di biglietti è stata concepita sia per i turisti che per gli abitanti della città.

I bagni termali di Budapest conferiscono alla capitale, sin dalla metà del secolo scorso, il titolo di città termale. 10 bagni termali ed altri 11 bagni offrono ai visitatori vasche d’acqua ricca di minerali. Dalle 118 sorgenti sgorgano, giorno dopo giorno, circa 30.000 metri cubi di acqua con effetti positivi sulla salute.
Voglia di visitare l’Ungheria? Allora programmate oggi stesso il vostro viaggio in Ungheria o prenotate direttamente il vostro Hotel a Budapest!

Tutte le terme in Ungheria >>

Nessuna valutazione fino adesso.
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Loading...

Tag:, , , , , , , , ,

I commenti son privati.