Intervista con il Prof. Christoph Bamberger sul tema della prevenzione sanitaria

Il nostro intervistato di oggi è il professor Christoph Bamberger del Conradia Medical Prevention, uno dei principali fornitori di visite mediche preventive in Germania. Nell’intervista, il professor Bamberger ci spiega la sua visione dell’assistenza sanitaria preventiva e regala consigli per una vita sana e sostenibile.

Caro professor Bamberger, la ringraziamo molto per aver trovato il tempo per questa intervista oggi. Lei non solo è il fondatore e il direttore del Medical Prevention ad Amburgo, ma anche uno specialista di medicina interna ed endocrinologo riconosciuto a livello nazionale. Vuole presentarsi con parole sue ai lettori che ancora non la conoscono?

Sì, con piacere. Il mio nome è Christoph Bamberger. Sono uno specialista di medicina interna e un endocrinologo di formazione, cioè un esperto di ormoni. Ho tenuto la prima cattedra di endocrinologia e metabolismo dell’invecchiamento all’UKE (University Medical Center Hamburg-Eppendorf) negli anni 2000. Continuo a insegnare lì come professore, ma nel 2006 ho fondato l’allora Medical Prevention Center Hamburg, che ora si chiama Conradia Medical Prevention Hamburg. Ci concentriamo su esami preventivi e di diagnosi precoce, sulla base dei quali vengono poi date ai nostri pazienti raccomandazioni molto specifiche sullo stile di vita. Ho anche pubblicato alcuni libri su questo argomento. Oltre alla prevenzione e allo screening, i miei libri si concentrano anche sulla gestione dello stress e sul sonno sano.

In tempi di Corona, ci siamo preoccupati quotidianamente della nostra salute o di quella dei nostri cari. Tuttavia, molti medici segnalano anche un calo dei pazienti, soprattutto per quanto riguarda le cure preventive. Qual è la sua impressione sull’attuale “comportamento sanitario” dei tedeschi?

Posso confermare questa impressione iniziale. Nella prima fase del Corona, molte persone hanno inizialmente rimandato gli esami non essenziali. Fortunatamente, però, questo trend si è attenuato. Si è scoperto che il Covid è qualcosa con cui dovremo convivere per un periodo di tempo più lungo, quindi non possiamo adattare tutta la nostra vita o annullarla. Ci sono ancora altri problemi che sono forse, e in singoli casi, anche peggiori del corona. La diagnosi precoce è molto importante in questo contesto.

Anche se questa diagnosi precoce di malattie gravi è così enormemente importante, molte persone ignorano completamente il tema della prevenzione sanitaria per sé stessi. Questo inizia con le vaccinazioni e si estende ad altre misure di diagnosi precoce. Quale pensa sia la ragione di questo comportamento?

Penso che in primo piano per molte persone ci sia ancora la paura che qualcosa venga effettivamente trovato. Ma questo è, naturalmente, un pensiero irrazionale. Mi piace paragonarlo alla situazione in cui si sale su un aereo per le vacanze all’aeroporto, ma poi ti viene detto che l’aereo non deve essere esaminato, perché altrimenti si potrebbe trovare qualcosa. Questa è un’assurdità. Naturalmente, l’aereo dovrebbe essere ispezionato a fondo e riparato se c’è un difetto. Fortunatamente, però, la consapevolezza preventiva è cambiata significativamente tra le persone negli ultimi 15 anni in cui abbiamo lavorato qui. Sempre più pazienti hanno un approccio più razionale. Quando troviamo effettivamente qualcosa, si tratta dei nostri pazienti più fedeli. Dopotutto, normalmente siamo in grado di salvarli in tempo.

Con il “Prevention Index”, è stato recentemente presentato dall’Università di Bielefeld un progetto o un indice che ha lo scopo di mostrare dove si trova la Germania in termini di assistenza sanitaria preventiva. Questo progetto ha anche lo scopo di motivare i politici a essere più coinvolti nell’area della prevenzione. Anche lei pensa che si dovrebbe fare di più per la prevenzione sanitaria a livello politico in Germania?

Penso che in Germania si faccia di più di quanto la maggior parte delle persone pensi. I programmi di screening che abbiamo introdotto per legge sono già abbastanza estesi, anche rispetto ad altri Paesi. I programmi iniziano molto presto per le donne con regolari esami ginecologici. Poi ci sono esami dentistici per entrambi i sessi e, a partire dalla metà dei 30 anni, esami di laboratorio. Più tardi si aggiungono gli esami della prostata, la mammografia e la colonscopia come esami preventivi molto importanti. Tutte queste offerte devono essere accettate dai pazienti prima di dire che non si fa abbastanza. Sarei molto felice di vedere che non solo il 50% delle persone approfittano di queste misure preventive, ma piuttosto il 90%. Tuttavia, secondo me, lo stato dovrebbe interferire solo fino a un certo punto. Come per l’attuale vaccinazione Corona, penso che ci dovrebbe essere solo un diritto alla prevenzione, ma nessun obbligo di farlo. Altrimenti la gente sente – giustamente – che la sua libertà viene limitata. Penso che sarebbe meglio creare più incentivi tramite le compagnie di assicurazione, ad esempio tramite un programma di bonus o riduzioni premium se qualcuno si occupa attivamente della propria prevenzione sanitaria. Da questo punto di vista, però, siamo purtroppo ancora all’inizio.

Ma le persone che effettivamente approfittano regolarmente delle visite mediche preventive offerte dalla legge raramente ne traggono un senso di sicurezza. A volte non sono completamente convinte di non essere “davvero malate”. Per questo, lo screening previsto dalla legge sembra essere troppo poco e forse non abbastanza approfondito. Qual è la sua opinione al riguardo?

Sì, in effetti, gli esami sono davvero carenti. Ho solo difeso che la gente dovrebbe approfittare di ciò che è attualmente disponibile. Ma naturalmente, dal mio punto di vista e da quello che stiamo vivendo qui, sono tutt’altro che sufficienti. Molto è trascurato. Soprattutto nei test di laboratorio, mancano molti parametri importanti. Per esempio, la ghiandola tiroidea non viene esaminata, anche se il 10% di tutte le persone sviluppano una malattia della tiroide nel corso della loro vita. Considero anche il valore del PSA, il marker tumorale della prostata, un valore molto importante che non viene ancora preso in considerazione. Allo stesso modo, le ecografie sono molto utili, per esempio, per rilevare cambiamenti molto precoci nelle arterie del collo. Quindi sì, i programmi potrebbero e dovrebbero davvero essere ampliati.

Come si differenzia allora un controllo della salute alla Conradia Medical Prevention rispetto a un normale controllo della salute obbligatorio a partire dai 35 anni?

Ci sono in realtà diversi aspetti in cui il nostro programma differisce dal servizio di prevenzione rimborsato per legge. Uno è, naturalmente, l’efficienza temporale. Con noi, si ottiene un check-up olistico in un giorno. Questo significa che non bisogna prenotare diversi appuntamenti dal medico, ma tutto può essere effettuato “in una volta sola”. Il secondo aspetto molto importante è la portata. Offriamo esami che non sono inclusi nel controllo medico preventivo obbligatorio, ma che sono molto importanti per la diagnosi precoce di alcune malattie. Si comincia con un programma di ecografie per esaminare la tiroide. Soprattutto nelle donne questo organo è molto spesso colpito, troviamo malattie della tiroide come Hashimoto o noduli tiroidei nel 50% delle nostre pazienti. Poi le già citate arterie del collo. Guardiamo come il cuore pompa ed esaminiamo gli organi addominali tra cui il fegato, i reni e la prostata. Facciamo anche un altro ECG da sforzo per avere un’idea della forma fisica e per avere indicazioni di eventuali problemi circolatori. Facciamo poi anche un test di funzionalità polmonare, un esame dermatologico e un esame oftalmologico per rilevare i cambiamenti precoci delle malattie degli occhi legate all’età che possono portare alla cecità. Queste includono la cataratta e il glaucoma, ma soprattutto la degenerazione maculare, per la quale è necessario esaminare la retina. Questo è un esame che non viene eseguito dagli ottici. E come strumento ancora più speciale, abbiamo la risonanza magnetica di tutto il corpo, una procedura senza radiazioni in cui possiamo visualizzare tutto il corpo dalla testa ai piedi in 45 minuti ed escludere i tumori così come i cambiamenti vascolari o simili. Questo è particolarmente importante perché anche gli esami ecografici di screening eseguiti dal medico generico non coprono tutti i sistemi di organi, specialmente la testa. Tuttavia, vogliamo anche vedere come sta il cervello, cioè se ci sono, per esempio, restringimenti cerebrali prematuri che indicano un rischio di demenza. Inoltre, anche gli organi del torace non sono comunemente esaminati. Possiamo quindi includere una risonanza magnetica al seno, che è molto più delicata della mammografia convenzionale riguardo allo screening per il cancro al seno senza raggi X. Lo stesso è disponibile anche per la prostata, così da poter escludere completamente il cancro alla prostata per mezzo della risonanza magnetica. La risonanza magnetica soprattutto è così costosa che sicuramente non sarà coperta dallo stato o dalla rispettiva compagnia di assicurazione in futuro. Qui è necessaria unaa responsabilità individuale. Secondo me, ognuno dovrebbe chiedersi quanto è disposto a pagare per la propria assistenza sanitaria e se può risparmiare su altri aspetti del suo stile di vita per finanziarla. Alla fine, o si ha la certezza di essere effettivamente in piena salute – e non solo sulla base di uno “pseudo controllo” – o si rischia che una malattia o un fattore di rischio non sia stato scoperto in tempo.

Sì, l’assistenza sanitaria preventiva non è mai abbastanza priorizzata. Notate uno sviluppo nelle malattie identificate? Per esempio, ci sono più persone con diagnosi di pressione alta, obesità o cancro?

I tumori sono già abbastanza comuni. Rileviamo un tumore che richiede un chiarimento ogni 100 pazienti circa. Tuttavia, questo può anche essere benigno e la frequenza non è cambiata negli ultimi anni. Il peso corporeo medio sale negli anni, questo è abbastanza chiaro. Per quanto riguarda le altre malattie, qui al Centro di Prevenzione abbiamo un quadro un po’ distorto. Molti dei nostri pazienti ci sono rimasti fedeli fin dagli inizi del nostro studio e stanno naturalmente invecchiando, il che porta automaticamente a più malattie. Inoltre, molti pazienti vengono da noi solo quando hanno già dei disturbi poco chiari che vorrebbero far esaminare.

Infine, il contrario: cosa serve per una vita sana a lungo termine? Quali sono i pilastri per una salute duratura?

Qui ad Amburgo abbiamo sviluppato un sistema a quattro pilastri che inizia con le visite preventive. Questo ci darà la conoscenza e la base su cui possiamo personalizzare gli aggiustamenti dello stile di vita al secondo livello. Naturalmente, tutti conosciamo le regole generali di “non fumare, fare molto esercizio fisico, mangiare sano e mantenere il peso basso”, ma ciascun corpo è diversamente sensibile nelle rispettive aree. Per esempio, per una persona due bicchieri di vino sono già troppo, mentre un’altra persona può bere quasi una bottiglia al giorno. Anche se quest’ultimo non è raccomandato dai medici, non sembra avere conseguenze dirette sulla salute di questa particolare persona. In questo modo, il “tallone d’Achille” di ogni individuo può essere identificato attraverso uno screening.

La seconda tappa sono poi i provvedimenti sullo stile di vita, per i quali vogliamo gettare le basi il giorno della visita. Molti vedono la giornata qui come un punto di partenza o uno stimolo per iniziare uno stile di vita più sano, per esempio, per smettere di fumare o per fare più esercizio. Tuttavia, è importante scegliere uno stile di vita che sia anche piacevole. L’obiettivo personale è quello di formare delle abitudini di vita che diventino automatiche, un po’ come lavarsi i denti, per le quali non ci si rimprovera. Questo è il modo migliore per mantenere un cambiamento dello stile di vita a lungo termine.

La terza fase è l’assunzione di alcuni farmaci preventivi o talvolta di ormoni. Un esempio famoso sono le statine, farmaci che abbassano il colesterolo per le persone con livelli di colesterolo eccessivamente alti, che di solito è una condizione ereditaria. Questi livelli solitamente non possono essere regolati dalla dieta. La quarta fase è quella che si chiama benessere psicologico-mentale. Questo ha un ruolo enorme nell’aspettativa di vita sana. È influenzato da quanto si è socialmente integrati, se si vede un significato nella vita e se si hanno persone care a fianco. Anche avere un lavoro è enormemente importante, specialmente in età avanzata quando il lavoro non c’è più. Per quanto riguarda la vita professionale, i livelli di stress devono essere tenuti in considerazione. I fattori psicologico-mentali non devono essere sottovalutati. Si dice ormai che un terzo dell’aspettativa di vita modificabile è dovuto a questa componente.

Professor Bamberger, grazie mille per l’intervista e per i molti spunti interessanti!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SpaDreamsIT Instagram
Mappa del sito