Malteser Klinik von Weckbecker – Intervista con il Dr. Matejka

Oggi vogliamo parlarvi di nuovo di digiuno e per questo motivo abbiamo chiesto il prezioso supporto del Dr. Matejka, primario del Malteser Klinik von Weckbecker a Bad Brückenau che digiuna regolarmente. Recentemente è stato pubblicato il suo nuovo libro “il digiuno cura” (disponibile in tedesco, “Fasten heilt”). Potete vederne una piccola anteprima in questa intervista! Questa intervista è stata tradotta dal tedesco.

Caro Dr. Matejka, grazie mille per aver dedicato del tempo a rispondere alle nostre domande! Lei è il primario del Maltester Klinik von Weckbecker, una delle cliniche leader nei trattamenti naturopratici. Lei stesso è stato studente del Dr. Erich Weckbecker. Cosa l’ha colpita di più del suo lavoro?

In tedesco c’è un detto riguardo alla propria passione: “tu stesso devi bruciare per dare fuoco agli altri“. Questo vale per il Dr. von Weckbecker. Per nulla impressionato dalle resistenze e opposizioni da parte dei colleghi, ha portato avanti in modo coerente e con successo il suo concetto di digiuno terapeutico per decenni, combinandolo con trattamenti biologici di accompagnamento come la fisioterapia e soprattutto con i metodi Kneipp.

Malteser Klinik von Weckbecker, immagine dell'edificio
©Malteser Klinik von Weckbecker
Qui è dove il Dott. Rainer Matejka, primario del Malteser Klinik von Weckbecker, esercita la sua professione.

Il suo nuovo libro “Fasten Heilt” parla dell’effetto curativo del digiuno. Fino a che punto il digiuno può effettivamente ottenere un effetto curativo e non solo alleviare i disturbi? Lei digiuna regolarmente?

Soprattutto nel caso di malattie legate allo stile di vita, in cui i problemi nutrizionali giocano sempre un ruolo importante, il digiuno terapeutico può effettivamente avere un effetto curativo benefico. Basti pensare a quella che chiamiamo “sindrome metabolica” e che include l’obesità, il diabete di tipo 2, l’ipertensione e altri fattori di rischio per il cuore. Anche le persone che sentono “le articolazioni” come un segno di artrosi incipiente beneficiano di un trattamento preventivo. Otteniamo anche buoni risultati con l’emicrania.

Con altre malattie sistemiche, ad esempio malattie reumatiche infiammatorie croniche, ma anche in alcune malattie neurologiche come la sclerosi multipla o il morbo di Parkinson, possiamo ottenere sollievo. Ciò non significa che la malattia sia scomparsa, ma i pazienti si sentono meglio. Il paziente con morbo di Parkinson riferisce ad esempio che la rigidità, molto stressante per tanti pazienti con Parkinson, risulta migliorata. Il digiuno ha un effetto positivo e duraturo anche negli stati di spossatezza e nel desiderio di un “reset”, come oggi si sente sempre più frequentemente. Io stesso pratico regolarmente il digiuno intermittente per un po’ di tempo, circa 3 volte a settimana.

Piatti con orologio e pranzo a base di avocado, uova, bacon e pomodori

Si dice che il digiuno aiuti con le malattie autoimmuni e della pelle, così come con le malattie neurologiche. In quali aree pensa che il digiuno prometta possibilità di successo particolarmente buone? Quali sono, invece, i limiti del digiuno?

I limiti del digiuno entrano in gioco, ovviamente, dove ci sono possibili controindicazioni. Questo vale, ad esempio, per numerose malattie psichiatriche, in particolare schizofrenia, attacchi di ansia-panico, stati ossessivo-compulsivi, deliri. Anche il cancro manifesto è considerato una controindicazione. Certamente poi anche un peso corporeo ridotto di per sé è una controindicazione, così come l’età avanzata.

Nel nostro centro non consentiamo ai pazienti di digiunare senza precedenti esperienze di digiuno a partire dai 75 anni. Ma anche con i digiunatori esperti poniamo come limite d’età gli 85 anni, cosa che non è sempre ben accolta dai pazienti…

Potrebbe spiegarci quali processi si attivano nel corpo durante il digiuno? Perché l’astensione occasionale dal cibo è così salutare?

Per decenni, i risultati del digiuno sono stati spiegati con effetti disintossicanti e purificanti. Queste espressioni colloquiali non sono accettate dalla medicina scientifica moderna. Attraverso la ricerca di base degli ultimi anni ne sappiamo di più.

Ogni cellula umana passa attraverso un processo di autopulizia geneticamente controllata: è in grado di avvolgere ed espellere componenti non necessari, ad esempio le proteine, o riciclare ciò che è ancora utilizzabile. In altre parole, una sorta di autoriparazione. Con l’avanzare dell’età questa capacità di autoriparazione diminuisce e le malattie diventano più frequenti. Il digiuno è il modo per stimolare nuovamente questa capacità di autoriparazione.

Acqua versata da una caraffa al bicchiere

Secondo le scoperte più recenti anche periodi di digiuno più brevi (a volte solo 1 giorno o 2) o anche il digiuno intermittente, che sta diventando sempre più di moda e in cui colazione o cena vengono solitamente omesse, mostrano un cambiamento nel metabolismo. Si parla di metabolic switch: l’organismo trae quindi sempre più energia dalla combustione degli acidi grassi e non solo dall’utilizzo dei carboidrati. Questo “interruttore” attiva importanti processi metabolici e immunitari.

Quanto tempo bisogna digiunare per ottenere i primi risultati? E per quanto tempo si trae beneficio dal regime di digiuno? Vale la pena incorporare intervalli di digiuno minori nella vita di tutti i giorni per ottenere un miglioramento duraturo della salute?

In passato, qui nella clinica venivano effettuati 21 giorni di digiuno e una settimana di rialimentazione. Oggi, per motivi di tempo, ciò avviene solo in casi eccezionali. La maggior parte dei pazienti soggiorna in clinica solo per circa 10 giorni. Tuttavia, sappiamo da recenti ricerche che anche una settimana di digiuno terapeutico può essere efficace. Ovviamente dipende dalle condizioni mediche del paziente. Un’anamnesi cronica infiammatoria necessita sicuramente di un digiuno più lungo di almeno 14 giorni inizialmente, al fine di creare una base per ulteriori successi. In seguito vale la pena proseguire con un’ulteriore settimana di digiuno almeno 1 – 2 volte all’anno. Parliamo di guarigione graduale attraverso il digiuno, che è più efficace che eseguire un trattamento di digiuno più lungo ogni paio d’anni.

Immagine di succhi di frutta e verdura, con peperoni, kiwi, mela, cetriolo, arancia, carota

Tuttavia, per stabilizzare il successo o per la prevenzione, sono utili anche intervalli di digiuno più brevi, come un giorno a settimana di succhi di frutta o il principio 5/2, cioè due giorni a settimana di scarico in cui, ad esempio, si mangiano solo verdure e/o patate.

Quali nuove intuizioni ha incontrato come risultato del suo intenso studio sul tema del digiuno e della guarigione mentre scriveva il suo libro? Si senta libero di dare ai nostri lettori una piccola anteprima.

Ho menzionato il metabolic switch, il cambiamento del metabolismo dall’utilizzo dei carboidrati all’utilizzo del corpo chetonico. Mentre in passato si riteneva che si trattasse di sostanze inferiori, se non pericolose, negli ultimi anni abbiamo visto una serie di effetti positivi. Ci sono addirittura studi che considerano una chetosi così leggera come favorevole soprattutto per il cervello, da cui possono trarre profitto anche le persone che soffrono di demenza. Il corpo ha evidentemente una sorta di sistema ibrido per l’utilizzo dell’energia.

Il Malteser Klinik combina metodi di guarigione naturali con la medicina convenzionale. Perché questa combinazione è così promettente? E qual è la verità dell’affermazione che la medicina convenzionale spesso combatte solo i sintomi della sofferenza, ma non la causa principale?

La combinazione di trattamenti naturopatici e medicina convenzionale è utile e necessaria soprattutto perché possiamo combinare le possibilità della diagnostica medica convenzionale e le loro opzioni di trattamento medico acuto con le strategie spesso causali della naturopatia. Il cambiamento dello stile di vita è al centro di questo. L’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) considera il cambiamento dello stile di vita un prerequisito affinché i sistemi sanitari rimangano finanziariamente sostenibili in futuro.

Con quali disturbi gli ospiti vengono più frequentemente nella tua clinica? Quanto tempo rimangono e quali programmi di digiuno sono più popolari?

Al momento arrivano moltissime persone con il desiderio di un cosiddetto “reset“. La ragione di ciò è l’ampia gamma di fattori di stress che provengono dalla vita moderna. Molto spesso i pazienti vengono da noi con problemi ortopedici di ogni tipo, dove vediamo che molto di ciò che viene attribuito a “usura” nell’area della colonna vertebrale o delle articolazioni è in realtà causato dalla tensione muscolare. Questo ci apre ad approcci completamente nuovi per la terapia del dolore e già ora la fisioterapia svolge un ruolo importante nella nostra clinica.

I ritiri di digiuno del Malteser Klinik vanno dal classico digiuno terapeutico al digiuno intermittente e alle escursioni a digiuno. Quale regime di digiuno consiglia ai principianti assoluti del digiuno?

In generale, tutti i metodi sopra menzionati sono adatti per i principianti del digiuno. Tuttavia, specialmente durante le escursioni a digiuno dovrebbero essere ovviamente presenti sufficienti capacità fisiche e capacità di camminare e, ad esempio, nessuna malattia cardiovascolare acuta con aritmia cardiaca.

Tre donne fanno nordic walking nella natura

Digiuno per principianti: alcune persone vorrebbero provare il digiuno o la disintossicazione direttamente nel comfort della propria casa. Cosa devono assolutamente sapere i principianti del digiuno prima di iniziare con la pulizia del corpo dall’interno?

Raccomandiamo spesso ai pazienti di alternare i giorni, cioè prima dell’inizio di un programma di digiuno, mangiare per 2 – 3 giorni solo patate e verdure o riso e verdure, con aggiunta magari di un olio vegetale di alta qualità, ma niente proteine animali e sicuramente niente cibi pronti. Questo porta già a una disintossicazione e decongestione abbastanza buone e consente una transizione più facile al digiuno a base di succo.

Succo di mandarini e carote in bicchiere di vetro con frutta e verdura

Tuttavia, se non avete mai digiunato prima, non dovreste farlo completamente da soli. Consiglio di entrare a far parte di un gruppo di digiuno. Altrimenti vale questa affermazione del noto medico del digiuno Hellmut Lützner: distinguiamo tra digiuno preventivo per chi è ancora sano e digiuno terapeutico nel vero senso della parola per chi è già malato. Il primo è di solito realizzato ambulatorialmente, il secondo dovrebbe essere effettuato in una clinica.

I principianti del digiuno dovrebbero anche essere informati sulle controindicazioni del digiuno ed esserne consapevoli: il digiuno non è qualcosa che si fa da un momento all’altro, ma soprattutto nel caso del digiuno terapeutico, ci si deve preparare internamente in anticipo.

Malteser Klinik von Weckbecker
Germania – Rhön – Bad Brückenau
Soggiorno
1 notte, camera doppia, servizio pasti speciali

SpaDreamsIT Instagram
Mappa del sito