L’Ayurveda, al di fuori degli schemi


ayurveda-equipmentStoricamente, non è solo l’ayurveda a classificare gli individui secondo le diverse tipologie. Già l’antica medicina occidentale classificava gli stati di salute e le malattie secondo quattro diversi “umori”: melanconico, collerico, flemmatico e sanguigno.

Diverse migliaia di anni fa, i maestri indiani – o meglio, vedici – rispetto a tale classificazione, riuscivano già a fornire alcuni suggerimenti per un corretto stile di vita. Poiché l’ayurveda si basa su un approccio olistico all’essere umano, questa classificazione di “umori” è trasformata nei cosiddetti tipi di “Dosha” che, a loro volta, non ruotano soltanto intorno ad alimentazione, dieta o cure miracolose di recupero.

Per tutti coloro che sono interessati all’ayurveda e sono aperti a suggerimenti rispetto al recupero ed al mantenimento della salute, sorge spontanea la domanda “A quale tipo di Dosha appartengo?”

L’esperienza millenaria attraverso le generazioni

Tradotto dal sanscrito antico, lingua dei sacerdoti, medici e yogi, la parola “Dosha” ha lo stesso valore di “fattore di influenza”. Nelle antiche scritture dei saggi vedici e guaritori, viene fatta una distinzione fra tre tipi di Dosha: Vata, Pitta e Kapha.

Questi, a loro volta, derivano dai cinque elementi:

  • Etere
  • Aria
  • Fuoco
  • Acqua
  • Terra

Le proprietà di ciascuno di essi influenzano significativamente i Dosha. Sia l’intero pianeta che i singoli individui sarebbero composti da tali elementi. Tuttavia, il mondo e l’uomo sono ben più complessi di quanto può essere espresso da questi semplici elementi. Pertanto i Dosha si collegano ancora ad altre caratteristiche:

  • Vata → aria e spazio/etere (movimento)
  • Pitta → fuoco ed acqua (metabolismo)
  • Kapha → acqua e terra (struttura)

ayurveda-pacchi-erbeIl più saggio dei guaritori o il medico non possono facilmente inquadrare l’essere umano in un semplice schema: mutiamo nel corso della nostra vita, siamo influenzati dalla famiglia d’origine e dai fattori ambientali. Ed è proprio l’interazione tra le singole caratteristiche a dover essere presa in considerazione.

Lo schema di base

Facendo riferimento a questo principio ayurvedico di base, fondato sui condizionamenti, i tre Dosha sono caratteristiche peculiari ed attribuzioni associate al singolo individuo.

Ovvero:

Vata → il principio del movimento

  • Agilità, movimento, vitalità
  • Entusiasmo

Pitta → il principio del metabolismo

  • Metabolismo, combustione/digestione, equilibrio termico, energia
  • Individuazione degli obiettivi, emozione, intelligenza

Kapha → il principio della struttura

  • Forma, struttura, coesione, liquido
  • Equilibrio, stabilità, armonia

ayurveda-trattamento-con-olioOgni individuo possiede le caratteristiche e le influenze di tutti e tre i Dosha. Ognuno di noi è irripetibile, unico, diverso. Inoltre, agiamo talvolta secondo le nostre abitudini, talvolta secondo la situazione del momento o anche secondo la relazione con gli altri e con l’ambiente circostante.

Quando i tre Dosha si trovano in equilibrio, secondo la medicina ayurvedica, ciò equivale a salute. Questo non vuol dire tuttavia che si possa rimanere inconsapevoli di tale equilibrio e dei Dosha. Consapevolezza è la parola chiave per una vita soddisfacente.

La nostra armonia interiore deriva da un equilibrio ed eventuali malesseri, ove persistenti, potrebbero condurre alla malattia. Pertanto, si rivela utile esplorare la propria costituzione di base e vivere di conseguenza attuando una corretta alimentazione, un adeguato stile di vita e un corretto bilanciamento dei singoli aspetti della nostra tipologia personale.

Ognuno è un “tipo” misto

A seconda del tipo di Dosha prevalente, si associa una diversa tipologia di trattamenti ayurvedici:

  • Tipo Vata
  • Tipo Pitta
  • Tipo Kapha

Probabilmente tutti riescono a riconoscersi più o meno in una delle tipologie. Nella realtà però gli individui corrispondono a “tipologie miste” (tipo Pitta-Vata o Kapha-Pitta, e così via).

Domandare è sempre doveroso ed importante

Attraverso un colloquio, l’analisi della lingua, del viso e del polso, il medico ayurveda o il terapeuta qualificati determinano la corretta analisi del tipo di costituzione. Su questa base vengono forniti consigli per la salute, supporti per la rigenerazione, indicazioni sull’alimentazione, preparati alle erbe da assumere ed esercizi di yoga da praticare.

Incuriositi? Da qui potrete accedere alle nostre offerte per le autentiche cure ayurvediche >>

ayurveda-massaggio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someoneShare on StumbleUponShare on TumblrPrint this page
Ti è piaciuto l'articolo? Ci fa piacere se lasci un commento:
L’Ayurveda, al di fuori degli schemi
:
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
5,00 punti su 5, su un totale di 1 valutazioni.
Loading...

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Una risposta fino adesso.

  1. […] parola chiave di questa tipologia potrebbe essere “volubile”. Il Vata predomina gli altri tipi di Dosha. Quando un individuo si trova in una situazione di mancato equilibrio, il Vata è generalmente il […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *