Intestino sano ed energie benefiche e curative del mare come cura della sindrome da burn-out


K. Matthias Rolle, medico e direttore sanitario del centro salute presso l’OCÉANO Hotel Health Spa – Tenerife, in un’intervista a proposito delle conoscenze odierne sulla prevenzione della sindrome da burn-out.

oceano-hotel-health-spa-tenerife

OCÉANO Hotel Health Spa – Tenerife

Monaco di Baviera/Punta del Hidalgo, luglio 2014: il termine “burn-out“ è sulla bocca di tuttima il suo significato non è ancora del tutto chiaro. I sintomi sono complessi e la questione è tanto seria quanto sottovalutata. Le incertezze sono ancora piuttosto diffuse ed anche l’individuo più attento alla salute continua a chiedersi: “cosa posso realmente fare a scopo preventivo?” oppure “sono forse già stato colpito da questa sindrome?”. In questa intervista K. Matthias Rolle risponde alle domande più rilevanti sul tema e sottolinea l’importanza dell’approccio olistico nella prevenzione della sindrome da burn-out. Egli attribuisce un ruolo di primaria importanza all’intestino – un organo molto spesso sottovalutato e, per l’immaginario collettivo, una parte del corpo della quali si ha quasi vergogna, eppure dalle funzionalità di fondamentale importanza per la salute dell’organismo.

Dr. Rolle, per molti anni la sindrome da burn-out è stata considerata principalmente la malattia dei manager, soprattutto a causa dello stress che colpisce chi ricopre tale ruolo. Qual è la sua posizione in merito?

Le nuove ricerche in questo campo evidenziano che ad essere colpiti dallo stress non sono i manager più impegnati. Anzi, il manager ricopre tale ruolo proprio per la sua capacità di far fronte allo stress in maniera ottimale rispetto agli altri. La domanda è piuttosto un’altra: perché egli riesce a fronteggiare lo stress e in un preciso momento diviene una vittima della sindrome da burn-out? È necessario capire il perché egli dapprima reagisca positivamente allo stress, trasformando tale reazione in un incentivo alla produttività e perché improvvisamente lo stress diventi la conseguenza di sollecitazioni eccessivesino ad entrare in un circolo vizioso che conduce ad un esaurimento emotivo ed alla conseguente perdita di motivazione.

Quando si ha a che fare con la sindrome da burn-out, è necessario consultare un medico. Ma è anche giusto indagare su quali sintomi si siano verificati nel passato e se vi siano stati segnali di allarme inviati da corpo, spirito e mente.

È tipico di una sindrome da burn-out che un individuo non riesca a comprendere quando è arrivato il momento di fermarsi. I segnali di allarme come i disturbi del sonno, la difficoltà nel concentrarsi e la perdita della libido, non sono del tutto presi sul serio. Ma è proprio in questi casi che è necessario sviluppare una maggiore attenzione e adottare attivamente misure preventive.

La vostra struttura è specializzata nel metodo F.X. Mayr e nel 2012 è stato inaugurato il nuovo centro per la talassoterapia. Possono questi due metodi essere considerati i pilastri del vostro concetto di cura? E se sì, come?

Nelle cure mediche secondo il metodo F.X. Mayr, poniamo la salute dell’intestino al centro dei trattamenti. L’obiettivo principale è la purificazione e il risanamento dell’intestino, affinché che le proprietà di guarigione dell’organismo siano riattivate. Ciò è essenziale nella prevenzione della sindrome da burn-out, in virtù di una recente ricerca che ha dimostrato quanto sia di fondamentale importanza la salute dell’intestino ai fini dell’equilibrio emotivo. Un intestino sano si rivela dunque come il miglior requisito per una svolta dal punto di vista della salute e per l’efficacia di una cura preventiva del burn-out di successo. Per quel che riguarda invece la talassoterapia, usiamo il potere benefico del mare ai fini del rafforzamento del benessere e dello stato di salute. Nello specifico, le sostanze del mare, regolarmente somministrate ad uso interno ed esterno, come alghe ed acqua marina, contribuiscono ad esempio, alla riduzione dello stress e dei disturbi del sonno. Con la talassoterapia che è, tra l’altro, una forma di terapia collaudata da secoli e che combiniamo con le più recenti scoperte, trasferiamo la “natura” nella nostra struttura ed in tal modo riusciamo, sotto la guida di esperti, ad ottenere benefici apprezzabili.

Avete sviluppato uno speciale programma nell’ambito della sindrome da burn-out, che rappresenti un’efficace forma di prevenzione?

La nostra è una struttura alberghiera di natura sanitario-preventiva ed è nostra intenzione eliminare ogni forma di trattamento di tipo ospedaliero. Coloro ai quali sta a cuore la propria salute, che vogliano ritrovare le energie vitali o intendano contrastare un eventuale burn-out, da noi sono in buone mani. Il programma “F.X. Mayr intensivo”, costituito da una particolare dieta, massaggi, talassoterapia ed ulteriori trattamenti, è la soluzione ideale per la prevenzione individuale della sindrome da burn-out tale programma è completato da una diagnostica preliminare attuata attraverso analisi di laboratorio relative all’intestino o con l’esame di variabilità della frequenza cardiaca volta a valutare  il funzionamento del sistema neurovegetativo.

Come può descrivere una giornata tipo di chi segue questo programma?

Generalmente sono previsti tre pasti che devono essere assunti ad orari regolari, ed i controlli medici, che vengono effettuati più volte a settimana. Oltre a tali elementi “fissi” della terapia i nostri ospiti possono scegliere tra una vasta gamma di opportunità – dagli esercizi mattutini ai bagni e saune, sino alla partecipazione ai programmi serali culturali. Ognuno qui deve sentirsi a proprio agio e seguire i propri personali ritmi, soprattutto rispetto all’intensità dei trattamenti terapeutici. L’ospite è così sin dall’inizio responsabilizzato ed impara ad impegnarsi per il proprio benessere anche dopo il soggiorno presso l’OCÉANO. Naturalmente, molti dei nostri ospiti, possono anche godere della posizione unica a nord di Tenerife, che invita a meravigliose passeggiate ed escursionisituazione ancora una volta ottimale per rilassarsi e fare il pieno di energie.

In qualità di esperto, cosa consiglia al termine di un soggiorno presso l’OCÉANO Hotel Health Spa, soprattutto per evitare che si ripresenti l’eventuale rischio di una sindrome da burn-out?

Anzitutto è necessario considerare l’essere umano nel suo insieme, dunque la sua individualità. Come del resto, individuali sono le cause dei disturbi e le relative soluzioni. Come già detto, è essenziale rispettare i propri bioritmi e prestare particolare attenzione ad un sonno riposante.

Molte grazie per l’intervista, Dott. Rolle.

Interessati? da qui potrete accedere direttamente all’OCÉANO Hotel Health Spa – Tenerife >>

oceano-hotel-health-spa-tenerife-pool-outside

Nessuna valutazione fino adesso.
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Loading...

Tag:, , , , , , , , , , ,

I commenti son privati.